Nello spazio sottostante sono state inserite le argomentazioni e le conoscenze scientifiche che, insieme alle esperienze personali di evoluzione e di crescita come uomo e professionista, sono alla base dei temi e dei contenuti che vengono trattati nei seminari programmati nei prossimi mesi.

 

In particolare approfondisco i temi della purificazione dalle energie negative, della trasmutazione delle emozioni distruttive, della potenza creatrice del pensiero e delle leggi spirituali che governano la vita umana e la natura.

 

I seminari hanno carattere residenziale. Si svolgono in sedi particolari adatte alla ricerca interiore ed alla formazione in gruppo, sia per le bellezze naturali dei luoghi in cui sono inserite, sia per le correnti geologiche positive che vi albergano.

 

Sono inoltre strutture di accoglienza collegate ad importanti riferimenti storico-scientifici o ad elevate forze energetiche sottili formatesi per il carisma e la potenza psicologico-spirituale di chi vi ha soggiornato: maestri di indiscussa ed elevata spiritualità.

 

 

 Programma dei seminari:  


   

 

Impostazione dei seminari 

 

La metafora della ricerca della pietra filosofale e la simbologia collegata al processo di trasmutazione del piombo in oro che coinvolge alchimista, soror mistica e soffiatore nella loro officina alchemica, indicano molto bene la straordinaria avventura dell'uomo impegnato ad evolversi e ad autorealizzarsi.

Ognuno di noi è invitato ad intraprendere il lungo percorso che porta alla trasformazione interiore e a rendere autentica, realizzata e felice la propria esistenza.

Il processo di trasmutazione proposto dalla scienza alchemica, per cui la materia base viene trasformata in polvere d'oro, coincide con il percorso evolutivo che vede le nostre emozioni inferiori, i nostri pensieri ed atteggiamenti dettati dall'ego, trasmutati in uno stato di coscienza elevato che tutto trasforma in opportunità per migliorarci ed in amore profondo, senza limiti e confini, al di fuori del tempo e dello spazio.

Siamo tutti invitati a risvegliare, a portare alla luce le nostre risorse energetiche e psicologiche per trasmutare la sofferenza, l'egoismo, le paure, i giochi di potere, i momenti critici...in stati d'animo permanenti di gioia, entusiasmo, leggerezza, amore, compassione, gratitudine per la vita.

Elevando il nostro livello di coscienza diamo autenticità al nostro modo di vivere, creiamo nuove potenzialità e doniamo pienezza all'esistenza, generando infinite opportunità d'amore con continue rinascite e sviluppi creativi.

Il percorso di evoluzione psicologico-spirituale dell'uomo è caratterizzato da fasi che si alternano: ora di entusiasmo per le nuove aperture che la crescita ha sviluppato, ora di sconforto per le continue difficoltà che incontriamo nel cercare di riplasmare o annullare i condizionamenti della nostra natura umana.

Risvegliarci e partecipare alla vita, sapendone cogliere il suo perfetto fluire e la sua straordinaria bellezza, finalmente liberi dai condizionamenti della personalità, è l'immediata conseguenza del lavoro collegato al continuo e volitivo sforzo di rimanere connessi alla nostra natura divina, alla nostra vera essenza crescendo e percorrendo con convinzione, volontà , fiducia e determinazione il viaggio all'interno di noi stessi, ci ritroviamo a perdonare per le antiche offese a perdonarci.

Ci riscopriamo a ringraziare le persone e la vita per quanto abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere; a mettere ordine e chiarezza nei nostri rapporti interpersonali... via via ci assumiamo pienamente la responsabilità di come conduciamo la nostra esistenza.

Il nostro modo di "essere nel mondo" diviene caratterizzato sopratutto dalla capacità di donare e saper ricevere l'energia dell'amore e dal saper rimanere a lungo nello stato di coscienza dell'amore.

Procedere nel percorso evolutivo vuol dire imparare a gestire il bambino e l'adolescente che è in memoria dentro di noi, con le sue ferite e i suoi antichi bisogni.

Vuol dire riconciliarsi con le figure del proprio passato, riconoscere la dignità e l'autonomia delle persone che ci sono vicine e saper creare rapporti autentici e maturi con gli altri.

Spesso il risveglio della coscienza richiede un lungo esercizio di autosservazione, di ricerca nella consapevolezza, l'applicarci nelle pratiche del silenzio,  di meditazione del ricordo di Sè...ognuno ha il suo modo privilegiato di procedere nella ricerca dentro di sè.

Alcuni passaggi li ritengo comunque indispensabili, comuni a tutti i percorsi, e sono i seguenti:

1. Purificare il proprio modo di vivere:

La purificazione, l'eliminazione di antiche scorie mentali e di energie negative è indispensabile  per poter liberare il soffio vitale presente in noi.

Spesso la nostra vera essenza si trova seppellita sotto cumuli di tossine e scorie energetiche e psicopatologiche generate da stili di vita inadeguati e da relazioni disturbate che la natura umana ha favorito.

Possiamo purificarci  in tanti modi e utilizzare vari metodi. Ad esempio: usare il potere di guarigione di aria-acqua-terra-fuoco per liberarsi dagli stati negativi e ritrovare il contatto con le energie più elevate.

Favorire la traspirazione cutanea per eliminare le tossine fisiche.

Esercitare la pratica del digiuno per purificarsi dalle scorie somato-psichiche.

Praticare gli esercizi di respirazione, meditazione, preghiera...per allontanare le entità nocive. e così via...

 

2. Imparare a controllare ed usare la potenza del pensiero.

Il pensiero è un energia. E' una forza creatrice.

Con il pensiero strutturiamo la nostra vita, creiamo la nostra realtà e pertanto il pensiero deve essere al servizio della vita.

Essendo i pensieri emanazioni energetiche che risanano e guariscono, o viceversa ammalano e inquinano, è necessario sorvegliare continuamente il nostro pensiero.

Dobbiamo dominare, orientare, padroneggiare ciò che avviene in noi.

La base di tutti i poteri è la capacità di osservarsi, l'autocontrollo dell'attività del pensiero.

Il vero lavoro spirituale è il lavoro sul pensiero, il saper orientare il pensiero su temi che facciano fluire la vita e l'evoluzione; dirigerlo verso la sorgente della vita, verso i mondi spirituali.

Dare, con il lavoro sul pensiero, un senso divino a tutte le attività della vita.

Inoltre, essendo i pensieri delle realtà energetiche in grado di agire sulla materia, per la legge dell'affinità e dell'attrazione, possono attirare entità similari e affini.

Ovviamente non è poi la stessa cosa essere in balia di forze oscure o di entità luminose che proteggono la nostra vita.

3. Trasmutare le emozioni negative

Il processo di trasmutazione delle emozioni negative che bloccano la nostra evoluzione e creano le basi di disarmonia e di scompenso energetico, da cui possono svilupparsi malattie e disturbi psicosomatici, avviene attraverso vari passaggi. Li riassumo in modo sintetico: (tratto dal libro " La via dell'amore"- pag. 177)

- Acquisire la consapevolezza delle emozioni negative presenti in noi, sia che si manifestino in modo vistoso e acuto, sia che alberghino in modo occultato e poco apparente, sia che appaiano come emozioni di fondo.

- Accettare la loro presenza senza giudicarle, senza combatterle o demonizzarle. Senza atteggiamenti vittimistici o di impotenza. Semplicemente riconoscere che sono dei processi neurobiologici, chimici, psicodinamici conseguenti a informazioni percepite nell'ambiente. Sono reazioni, risposte istintive, che ci consentono di reagire alle sollecitazioni e alle esperienze ambientali con specifici comportamenti.

- Imparare a disidentificarci dalle emozioni e dall'intreccio negativo di sentimenti e pensieri che ne conseguono, considerandole come aspetti marginali e tratti dal nostro Io legati all'apparato somatopsichico. Sono movimenti del nostro psichismo che possono agganciarsi ad aspetti di subpersonalità, ma non sono la nostra dimensione vera e autentica.

- Il processo di disentificazione delle emozioni negative porta a sviluppare l'atteggiamento del "testimone", una parte di noi che osserva senza farci coinvolgere, e a ricordarci che siamo un essenza divina in un corpo fisico.

- Cercare rifugio e contatto con la nostra dimensione divina. Identificarci con le qualità della nostra anima e la dimensione del Sè superiore creando immediatamente un nuovo ambiente mentale dove accogliere le emozioni negative.

- La nostra coscienza deve subito opporsi alle emozioni negative, respingerle, non giustificarle e creare una ferma opposizione, una decisa resistenza. La coscienza deve assumere subito il controllo della situazione e trovare complicità nella mente inconscia e nella volontà per innalzare una risoluta e forte barriera.

Applicando questi passaggi le emozioni vengono contenute, non prendono il sopravvento in noi e rappresentano importanti strumenti per la nostra crescita.

Dalle emozioni inferiori possiamo trarre energia e sostanza per generare emozioni superiori e nutrire l'anima.

Il processo finale di trasmutazione, l'ultimo passo, diviene possibile aprendo la dimensione del cuore, costruendo il corpo dell'anima, e portando l'energia psichica dell'emozione negativa nell'area dell'inconscio superiore.

L'emozione distruttiva accolta nella nostra natura divina viene energeticamente trasformata in "carburante" per nutrire il processo alchemico di trasformazione interiore e di evoluzione.

4. Conoscere le leggi universali che governano la vita psichica e il macro-micro cosmo

Procedere nel percorso evolutivo ci porta in relazione profonda con le leggi universali che governano la vita ed a scoprire la relazione intima tra la nostra essenza divina e l'intelligenza cosmica, la mente di Dio come la definiscono gli scienziati d'avanguardia.

Ci porta al contatto con la sorgente che alimenta con il suo flusso inesauribile la nostra essenza, " con la voce, delicata, flebile, armoniosa, coinvolgente" che ascoltata ed accolta nel luogo intimo e sacro della nostra anima, in uno stato di silenzio meditativo, ci consola, ci consiglia e ci guida nel percorso evolutivo.

E' bene conoscere le leggi che governano la nostra vita psichica e le nostre dinamiche inconsce, come ad esempio le leggi dello sviluppo della libido infantile ( l'energia psichica del bambino prevede varie tappe di evoluzione con relazioni oggettuali prima parziali e poi complete); le leggi dell'attività immaginativa ("ogni immagine ha in sè un impulso motore; le immagini mentali tendono a suscitare le emozioni e a produrre le condizioni fisiche e gli atti ad esse corrispondenti; ogni movimento richiede una sola immagine che lo preceda...").

E' bene conoscere come si strutturano gli imprinting, i condizionamenti mentali in base alle comunicazioni della prima infanzia e agli stili educativi e schemi socio-culturali-religiosi.

E' bene sapere come la nostra mente inconscia sia collegata alle forze cosmiche dell'inconscio collettivo e con quali principi dinamici.

Conoscere le leggi che governano il mondo della psiche, essendo le strutture cerebrali continuamente plastiche, permette di immettere e creare nuovi programmi liberando la mente da blocchi che possono ostruire l'evoluzione. (Legge dell'inconscio: piccoli eventi della vita possono essere suscettibili di ingrandirsi a dismisura nello psichismo...)

La natura, la vita è costantemente governata da leggi che non possono essere infrante dall'uomo, senza correre il rischio di perdere il proprio cammino di evoluzione o persino di distruggersi.

Ne elenco le più importanti:

La legge della causa-effetto o del rimbalzo ci dice che si raccoglie ciò che si è seminato o piantato. "Se agiamo con crudeltà, egoismo, violenza un giorno o l'altro questa crudeltà, questo egoismo e questa violenza ricadranno su di noi." Come seminiamo nella vita così raccogliamo.

La legge della registrazione dimostra che esiste una memoria cosmica, che la natura possiede una memoria che nulla può cancellare e che tutto registra. Come in natura operiamo una separazione dello "spesso dal sottile", di ciò che non è digeribile da ciò che è invece assimilabile e commestibile così è necessario per non ammalarci, o vanificare la nostra evoluzione, operare una selezione sul "cibo" che diamo alla psiche per nutrirla.

Non tutti i pensieri, non tutti i sentimenti sono assimilabili. Per evolvere in modo puro e luminoso dobbiamo assimilare solo ciò che è davvero puro e luminoso.

La legge della potenzialità pura afferma che l'uomo nel suo stato essenziale è coscienza pura, Potenzialità pura, un campo di possibilità e di creatività illimitate. La nostra vera essenza è pura potenzialità ad essere, a divenire, a realizzare tutte le nostre grandi mete.

La legge dello scambio, o del dare e dell'avere, testimonia che l'universo si basa su una dinamica di scambi di flussi di energie che continuamente si passano informazioni. "La vita è la danza eterna della coscienza che si esprime quale scambio dinamico degli impulsi dell'intelligenza tra il microcosmo e il macrocosmo, tra il corpo umano e il corpo universale, tra la mente umana e la mente cosmica".

La legge delle affinità o delle corrispondenze ci dimostra cone in base al nostro livello evolutivo ed alle emanazioni energetiche attiriamo o respingiamo quelle forze benefiche che potrebbero portarci eventi sincronici, benessere, felicità...

La vita è governata anche da numerose altre leggi universali: La legge del minimo sforzo, la legge dell'impermanenza, la legge della coerenza, le leggi spirituali che rendono la coppia illuminata...

E' bene ricevere una formazione, una guida riguardo a come poterle utilizzare nella vita quotidiana o comunque ricevere una sensibilizzazione scientifica sulla loro esistenza ed importanza per il benessere e la crescita psicologico-spirituale.